Chi sono le donne e gli uomini del Movimento Cenerentola?

Siamo le lavoratrici e i lavoratori delle varie ditte di pulimento della pubblica amministrazione, dei trasporti, e del mondo privato.

Dalla nostra volontà nasce il movimento cenerentola allo scopo di unificare le lotte, e rappresentare ad una voce sola quell’ampia fetta di mondo del lavoro dileggiato da salari al ribasso, turnazioni impossibili e mancanza di tutele contrattuali.

Da questa piazza virtuale auspichiamo di veder sorgere l’onda di un movimento in grado di riempire le piazze sotto i palazzi del potere, e farli tremare. Perché non tollereremo più la discriminazione che ci relega a lavoratrici e lavoratori di serie “b”, cui vengono negate condizioni dignitose di lavoro e stabilità lavorativa. Perché non esiste una dignità di serie “a” e di serie “b”! e noi pretendiamo di non sottostare ad un pregiudizio nei nostri confronti, spesso anche di genere, che ci costringe ad un salario inferiore e ad una precarietà strutturale.

fino ad oggi abbiamo taciuto. ma ormai e’ chiaro a tutti che la privatizzazione all’interno della pubblica amministrazione e’ un “affare” per molti, e che gli unici a perderci siamo noi e i cittadini.

fino ad oggi abbiamo lavorato all’ombra di amministrazioni incuranti della nostra condizione, che anzi mettono periodicamente in subaffitto la nostra professionalità esternalizzandoci al miglior offerente che fa il prezzo ridimensionando contratti e costo del lavoro.

A partire da oggi rigettiamo l’immagine di cenerentole e cenerentoli che ci hanno affibbiato, usciamo dall’invisibilità e ricattabilità della nostra condizione, e pretendiamo di vederci riconsegnata integra la dignità del nostro lavoro.

Chi svende il nostro lavoro ha una precisa responsabilità e deve garantirci:

  • stabilizzazione dei contratti, per porre fine al continuo peggioramento contrattuale
  • internalizzazione, per far risparmiare i cittadini
  • miglioramento dei salari, per abbattere le discriminazioni sul nostro lavoro